America minaccia guerra ATTACCO NUCLEARE PREVENTIVO VS RUSSIA

 my ISRAEL, I TUOI NAZISTI SHARIAH NEMICI LEGA ARABA? stanno morendo! tutti quelli del Gufo: Rothschild Bildenberg farisei salafiti shariah: MECCA KAABA: SpA FMI BM NWO 666 NATO CIA Belzebuul: le bestie di satana: DEMO PLUTO GIUDAICO MASSONE? TUTTI loro stanno morendo! [ DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF: DA UN CIMITERO devono uscire, ed un cimitero devono entrare: definitivamente! ] Gezabele queen Elisabetta UK second, CIA: #Merkel, #Clinton #Hillary #NATO, #FED, #BCE, #SPA FMI BM: Rothschild il regime massonico, 666 NWO: signoraggio bancario: alto tradimento ] come è stato, il vostro momento maledetto, cioè, che voi avete perso la Vostra verginità anale? ] drink your POISON, made by yourself, amen ] C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux, Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce, N. D. S. M. D. Non draco, sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo I.V. B. Ipsa Venena Bibas Bevi tu stesso i tuoi veleni. [ DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF: DA UN CIMITERO devono uscire, ed un cimitero devono entrare: definitivamente! ] In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!
====
  
i am lorenzoJHWH and Unius REI ] [ revenge Yitzhak Kaduri ] se, tutti gli ebrei del mondo non torneranno dal loro Dio JHWH in Arabia SAUDITA? tutto il genere umano potrebbe presto scomparire in un solo Olocausto nucleare
Crankwhistle SaintThomas https://www.youtube.com/user/Crankwhistle
ALL JEWS IN THE US GOVERNMENT "PACK YOUR BAGS AND HEAD TO ISRAEL" WHERE YOU BELONG...IF YOU STAY YOU MAY HANG FOR THE DESTRUCTION OF THE TWIN TOWERS...YOU JEWS ARE FALSE FLAGGING BASTARDS AND YOUR MOSSAD DEMOLITION.

================
You, dear children, are from God and have overcome them, because the One who is in you is greater than the one who is in the world. (1 John 4:4) DEFEATING THE ENEMY’S ATTACKS
Ung Sophal established eight house churches in Phnom Penh, Cambodia and the surrounding provinces. He and his wife lost their third and youngest child during the Pol Pot genocide. After many close calls, he was separated from his wife and children and sent to work in the fields. During these very difficult times, he still was able to lead sixty-five people to Jesus and even water baptise them. God miraculously spared his life on numerous occasions. When the Vietnamese invaded Cambodia in 1979, Ung Sophal was able to return to Phnom Penh. It was now a ghost town. With a handful of other Christians, he started a house church, which grew from five members to six hundred in eight months. That Christmas he invited some Christians to his home for fellowship - including some Christian westerners working for aid organisations. Two weeks later he was arrested for this “illegal” activity and accused of holding a political meeting with CIA participation. He was interrogated for days and beaten severely. When the interrogation proved profitless, he was left in prison for five months chained hand and foot. He lost seventy-five pounds and was very sick but he heard the Lord instruct him to fast and be silent for three days. The authorities became alarmed at the end of his fast and took him to the hospital thinking he was dying. There he constantly heard the sounds of other people being tortured with electricity and being beaten and kicked. “Even without the beatings it was very hard,” he said, “I had a taste of hell, but God protected me.” Ung Sophal was successfully treated by a Cuban doctor who was also a Christian (God has his people everywhere). One night when the electricity went out because of a tropical storm, the doctor helped Ung escape. Later he fled with his wife and children to Thailand and spent ten years ministering to other Cambodian exiles - the last five years as a widower.
In 1990, as restrictions against Christianity began to be eased in Cambodia, Ung made his first visit back to his homeland to encourage and teach the Church. Word of his return spread quickly and three hundred people came to see him. He is eager for the task ahead. “I want to build my people,” he said. “God has a great work yet to do in Cambodia.”
RESPONSE:
Today I will stand strong in Jesus’ strength no matter what Satan throws at me or against me.
PRAYER:
Lord, thank You for encouraging testimonies of faithful people like Ung Sophal. Continue to grow Your Church in Cambodia, I pray.

Hola, lorenzo: En tres días verás algo parecido: 29234133003_762125f407_z.jpg
Se trata de una fotografía de la última vigilia que organizamos para pedir el cierre de la "clínica" abortista Dator, en Madrid.
Ahora, está a punto de tener lugar la próxima concentración frente al abortorio más grande de la ciudad y me gustaría que formaras parte de ella.
No te asustes, no hace falta que vengas físicamente, nada de coger coche, tren o avión. En esta ocasión te ofrezco una opción mucho más sencilla: conéctate de modo online y sigue la vigilia en directo.
¿Qué me dices? ¿Podrás participar? Será este jueves, 20 de octubre, desde las 19.30h. Pincha en este enlace para unirte a la vigilia en tiempo real:
http://youtube.com/watch?v=J1qIr0uQ84o
Lo hicimos el mes pasado, lo haremos este y también los que vienen. Trabajaremos juntos para cerrar la Dator, porque hacerlo significa salvar vidas inocentes. Siento ser así de duro pero lo cierto es que si ahora callamos, ellos ganarán. Si no actuamos, el derecho a la vida será cada vez menor. Si no luchamos por ellos, habrá niños que nunca lleguen a nacer.
Esta es una concentración pensada para todos. Si eres creyente, conéctate y reza por todas las almas que se han quedado en los quirófanos de la Dator y, si no eres creyente, únete para defender el derecho a la vida todos los seres humanos.
Cuento con que me estés acompañando a través de la red. Sigue la concentración en directo el jueves, desde las 19.30h, en este enlace:
http://youtube.com/watch?v=J1qIr0uQ84o
La vez pasada llevamos ataúdes blancos como símbolo de los miles niños que pierden la vida en la Dator. En está ocasión llevaremos velas, muchas velas para que iluminen el que, actualmente, es el punto más negro de nuestro país.
¡Muchas gracias!
Ignacio Arsuaga y todo el equipo de HazteOir.org
(1) Si aún no has visto las fotografías de última vigilia frente a la Dator, échales un ojo en este enlace: https://www.flickr.com/photos/hazteoir/albums/72157673022350920

===================
Dear Lorenzo, The ICEJ's 2016 Feast of Tabernacles continues LIVE tonight at 8:30pm Israel time from Jerusalem. This is a special evening where we celebrate the nations and families which have come up to Jerusalem to worship the God of Abraham, Isaac and Jacob.
Tonight's Speaker: Dr. Jürgen Bühler. Dr. Jürgen Bühler is an ordained minister and trained physicist who serves as Executive Director of the International Christian Embassy Jerusalem. He is a licensed minister with the German Pentecostal Federation (BFP), and his unique scriptural insights into issues relating to Israel, the Church and the nations have placed him in great demand as a speaker all over the world.
Check out the Feast streaming schedule below and be sure to tell your friends and family about this wonderful opportunity. May you blessed by this wonderful event, and we pray you will be able to join us in person next year! ICEJ Feast Team ...
Special Feast Offering

The Lord commanded the people of Israel to bring their offerings to Jerusalem during the Feast of Tabernacles (Deut. 16). Therefore, many pilgrims bring a special offering from their church or family to the Feast. While we can support Israel anytime throughout the year, this is a special opportunity to prophetically join all the nations gathered in Jerusalem and make a special offering before the Lord.
Send a Feast Offering


Send a Prayer Request

The ICEJ has always appreciated the importance of prayer and intercession and we continue to encourage and organize prayer for Israel all around the world through our Isaiah 62 Prayer Initiative. Prayer will also play a crucial part in this year's Feast with daily sessions and a special prayer vigil scheduled. You are invited to send us your prayer requests to be brought before the Lord during the Feast of Tabernacles.

===========

Gli USA perdono la presa sul Sud-Est asiatico
by sitoaurora

Wayne Madsen, Strategic Culture Foundation 15/10/2016duterte-1Lo scontro diplomatico tra Filippine e Stati Uniti sciocca gli sgobboni politici del dipartimento di Stato e del Pentagono, ma per gli acuti osservatori della politica del sud-est asiatico, la decisione del presidente delle Filippine Rodrigo Duterte di fare “perno” su Cina e Russia era studiata da tempo. Fin dalla cosiddetta “rivoluzione gialla” che vide Corazon Aquino sostituire l'autocrate delle Filippine Ferdinando Marcos, la maggior parte dei filippini passarono da un presidente corrotto e benedetto dagli statunitensi all'altro. Duterte, focoso ex-sindaco di Davao City a Mindanao, ha incanalato il disgusto dei filippini adottando un atteggiamento ostile nei confronti della rinnovata presenza militare degli Stati Uniti nel sud-est asiatico, volta a contrastare la Cina. La
“Rivoluzione del potere popolare” del 1986, nota anche come rivoluzione gialla, fu opera degli Stati Uniti per togliere dal potere il presidente Ferdinand Marcos. La rivoluzione avvenne tre anni dopo l'assassinio del senatore Benigno “Ninoy” Aquino, ucciso mentre sbarcava all'aeroporto internazionale di Manila ritornando nelle Filippine dall'esilio negli Stati Uniti. Marcos, accusato dell'assassinio di Aquino, fu dimesso dalla pressione combinata di chiesa cattolica, Forze Armate pro-Stati Uniti delle Filippine e Central Intelligence Agency degli Stati Uniti. La vedova di Aquino, Corazon “Cory” Aquino, sostituì Marcos come presidente e fu seguita da una serie di presidenti corrotti filo-statunitensi. Il generale Fidel Ramos, mondialista convinto, sostituì Aquino alla presidenza e, a sua volta, assicurò la presidenza ai suoi due successori, Joseph Estrada e Gloria Macapagal-Arroyo, entrambi perseguitati da scandali sulla corruzione. Macapagal Arroyo era la figlia dell'alleato degli Stati Uniti, il presidente Diosdado Macapagal, in carica nel 1961-1965 e che inviò truppe filippine a combattere a fianco delle truppe statunitensi nella guerra del Vietnam. Al momento dell'invio delle truppe nell'ambito dello sforzo bellico degli Stati Uniti nel Vietnam del Sud, l'avversario esplicito di tale passo era l'avversario politico di Macapagal, Ferdinand Marcos, cosa che non va ignorata mentre Duterte allontana le Filippine dal “perno in Asia” di Barack Obama. Macapagal-Arroyo fu sostituita da un altro presidente corrotto, Benigno “Noynoy” Aquino, figlio di Ninoy Aquino e Cory Aquino. Le Filippine ha avuto presidenti provenienti dalla stessa famiglia, non diversamente dagli Stati Uniti negli ultimi decenni. Macapagal-Arroyo ed Estrada furono incriminati per corruzione, ma solo Estrada si dimise. Duterte è il primo volto nuovo a comparire a Palazzo Malacanhang da un po' di tempo, e l'elettorato delle Filippine gli dà ampio credito per la sua schiettezza. Duterte ha deciso che le politiche dei predecessori, che volevano stretti rapporti con Washington, non erano nell'interesse delle Filippine. Duterte segue una sua politica estera indipendente, invitando Cina e Russia a stabilire basi nelle Filippine, annullando ulteriori esercitazioni militari USA-Filippine nella regione, e chiamando il presidente Barack Obama “figlio di puttana”. Durtete ha anche detto agli Stati Uniti, “non trattateci da zerbino perché... non siamo i fratellini scuri degli USA”. I problemi dell'amministrazione Obama con Duterte iniziarono quando l'ambasciatore degli Stati Uniti nelle Filippine, Philip Goldberg, interferì negli affari interni delle Filippine, come le elezioni che Duterte ha vinto. Goldberg ha sempre interferito negli affari dei Paesi in cui viene distaccato e non ha fatto eccezione nelle elezioni nelle Filippine, in cui parlò contro Duterte. Nel 2008, il governo boliviano del Presidente Evo Morales espulse Goldberg, allora ambasciatore degli Stati Uniti a La Paz, per aver fomentato i secessionisti in quattro province boliviane. Ad agosto, Duterte chiamò Goldberg “bakla, figlio di puttana”. “Bakla” significa “finocchio”.
king_ananda_mahidolCon la notizia della morte del vecchio re della Thailandia, Bhumibol Adulyadej, nato a Cambridge, Massachusetts, che si assicurava che alcun governo thailandese si allontanasse troppo dall'alleanza con gli Stati Uniti, la Thailandia potrebbe seguire le Filippine su una politica di marcata indipendenza da Washington. Il principe ereditario Vajiralongkorn, erede al trono, è vicino all'ex-primo ministro Thaksin Shinawatra e alla sorella, l'ex-prima ministra Yingluck Shinawatra, entrambi estromessi dai colpi di Stato della Central Intelligence Agency. Thaksin fu rovesciato nel 2006 e Yingluck nel 2014. Yingluck, accusata di corruzione dall'agenzia “anti-corruzione” della Thailandia, vede essenzialmente lo stesso trattamento da “colpo di Stato costituzionale” riservato alla Presidentessa del Brasile Dilma Rousseff, al presidente dell'Honduras Manuel Zelaya, e al presidente del Paraguay Fernando Lugo. Oggi, piuttosto che usare carri armati e giunte militari per rovesciare i leader che non gradisce, la CIA usa falangi di avvocati e giudici controllati dalla CIA, per effettuare “golpe costituzionali”. Tale strategia è stata una costante dell'amministrazione Obama e potrebbe essere chiamata “dottrina Obama”. Thaksin, che vive in esilio in Cambogia, e Yingluck continuano ad aver ampio sostegno dalle “camice rosse”, il movimento rurale della Thailandia. Vajiralongkorn non è popolare presso i fedeli sudditi del padre. Per avere il sostegno al suo regno, Vajiralongkorn può concludere un patto non solo con Thaksin e Yingluck, ma anche con le camicie rosse, nelle cui fila vi sono vari anti-monarchici. Le camicie rosse sono anche contrarie all'egemonia USA in Thailandia e sono sospettate di essere sostenute dalla Cina. Proprio come la dottrina Obama non ha mancato Duterte, non lo farà con Vajiralongkorn. Come molti presidenti delle Filippine, i primi ministri thailandesi, dalla fine della Seconda guerra mondiale, furono approvati dai mandanti della CIA a Langley. Bhumibol succedette al trono alla morte del fratello, re Ananda Mahidol. Alle 9:00 del mattino del 9 giugno 1946, Bhumibol visitò il fratello nella stanza del Palazzo Reale di Bangkok. Alle 09:20, un colpo risuonò dalla camera da letto del re. Ananda fu trovato supino sul letto con un colpo di pistola alla testa; ciò fu descritto come suicidio accidentale del giovane re mentre giocava con la pistola carica. L'ambasciatore degli Stati Uniti in Thailandia era Edwin Stanton, ironia della sorte, omonimo del ministro della Guerra Edwin Stanton, accusato di aver cospirato per assassinare Abraham Lincoln. L'ambasciatore Stanton collaborava con il reggente della Thailandia nominato dai giapponesi, Pridi Banomyong, che governò il Paese durante l'esilio di Ananda nella Seconda guerra mondiale e che divenne primo ministro dopo la guerra, e che assolse Bhumibol, Stati Uniti e Gran Bretagna da qualsiasi coinvolgimento nella morte del re. Il viceré inglese dell'India, Lord Mountbatten, pensava che Ananda fosse “patetico” e indegno di essere re. In ogni caso, dopo che il feldmaresciallo Plaek Pibulsonggram, capo militare filo-giapponese della Thailandia durante la guerra, rovesciò il primo ministro Pridi nel 1947, il governo accusò due paggi dell'assassinio del re. Entrambe i paggi furono condannati da un dubbio processo e giustiziati. Stanton convinse il primo ministro Pridi che i comunisti, travestiti da studenti, monaci buddisti, giornalisti ed accademici, stavano invadendo la Thailandia con l'intento di rovesciare la monarchia. Gli avvertimenti di Stanton erano uno stratagemma e alcuno dei rapporti sull'“infiltrazione” comunista era vero.
photo-jim-712064-20091210Molti in Thailandia sanno che l'Office of Strategic Services (OSS), precursore della CIA, assassinò Ananda con la connivenza dell'ambasciatore degli Stati Uniti Stanton, dell'incaricato d'affari Charles Yost, della stazione dell'MI-6 inglese di Bangkok e del capo dell'OSS a Bangkok, James “Jim” Thompson, che dopo aver “ufficialmente” lasciato l'OSS, fondò la Thai Silk Company, Ltd., che rivitalizzò l'industria della seta devastata dalla guerra. Thompson era anche un noto pedofilo la cui casa ospitava numerosi bambini birmani e thailandesi. Casa adornata da numerose statue falliche. Gli autori Truman Capote, Somerset Maugham e Margaret Landon, l'autrice di Anna e il re del Siam, su cui il film “Il re ed io” si basa, erano gli ospiti illustri di Thompson a Bangkok. Nel 1967, Thompson, che sapeva dove molti “scheletri” della CIA erano sepolti nel sud-est asiatico, scomparve senza lasciare traccia negli altopiani Cameron nel Pahang, in Malesia. Per settanta anni, il popolo thailandese poté sussurrare sui fatti del 1946. Con la morte del re, vi sono diversi conti da liquidare tra Thailandia e Stati Uniti, così come Duterte regola i conti del passato delle Filippine.
asean-map_risultato
La ripubblicazione è graduta in riferimento alla rivista on-line della Strategic Culture Foundation.
Traduzione di Alessandro Lattanzio - SitoAurora
sitoaurora | ottobre 17, 2016 alle 16:22 | Etichette: anti-egemonismo, antimperialismo, ASEAN, Asia, Asia-Pacifico, atlantismo, Bangkok, Barack Obama, black operation, Blocco americanista occidentalista, Blocco BAO, Central Intelligence Agency, CIA, colonialismo, complotti, cospirazioni, covert operation, Covert Operations, Dipartimento di Stato USA, diplomazia, egemonia, egemonismo, equilibrio mondiale, equilibrio strategico, Filippine, forze armate USA, geo-influenza, Geoeconomia, geografia, geoinfluenza, Geopolitica, Geostrategia, globalismo, globalizzazione, guerra asimmetrica, guerra d'influenza, guerra d'informazione, guerra d'intelligence, guerra di propaganda, guerra mediatica, guerra psicologica, Imperialismo, infiltrazione, intelligence, Mar Cinese Meridionale, mass media, missioni segrete, mondializzazione, Mondo Multipolare, multipolarismo, neocon, neoconservatori, neoimperialismo, Nuovo ordine mondiale, Oceano Pacifico, ONU, operazioni coperte, operazioni psicologiche, operazioni speciali, Pacifico, Pacifico-Asia, Pentagono, politica internazionale, politica regionale, Propaganda, psy-op, psy-ops, psy-war, psyop, psyops, psywar, relazioni estere, relazioni internazionali, rete spionistica, rivoluzione colorata, Rodrigo Duterte, sabotaggio, sabotatori, servizi segreti, sfera d'influenza, sovranismo, sovranità, sovversione, sovversivismo, special operations, spionaggio, Stati Uniti, strategia, Sud-Est asiatico, talassocrazia, talassocrazie, terrorismo, Thailandia, USA, Washington, Washington Consensus, Washington DC | Categorie: Covert Operation, Geopolitica, Imperialismo | URL: http://wp.me/p1qi5U-6EU  

======================


LIVE FROM EIN GEDI TONIGHT
Dear Lorenzo, Tonight, at 8:30pm Israel time, the ICEJ's 2016 Feast of Tabernacles celebration will go LIVE from Ein Gedi near the Dead Sea.
Check out the Feast streaming schedule below and be sure to tell your friends and family about this wonderful opportunity. May you blessed by this wonderful event, and we pray you will be able to join us in person next year!
- ICEJ Feast Team
Watch now
BROADCAST TIME
Jerusalem: 8:30 - 11:00pm
London: 6:30 - 9:00pm
New York: 1:30 - 4:00pm
Tokyo (next day): 2:30 - 5:00am
  
Even if you can’t be in Jerusalem personally, the Feast of Tabernacles is still a special opportunity to bless Israel. Prophetically join the nations gathered in Jerusalem by making a special offering before the Lord.
Send offering
Send a Prayer Request
Prayer will play a crucial part during this year's Feast. You are invited to send us your prayer requests to be brought before the Lord at the concluding prayer vigil.
=================

    
Unesco, la presidente UCEI: "L'Italia dia voce alla verità". Il testo integrale dell'appello che la presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni ha inviato alle più alte carico dello Stato dopo il vergognoso voto dell'Unesco che nega l'ebraicità di alcuni luoghi di Gerusalemme appare stamane sul quotidiano La Stampa.
"Una decisione scioccante, grave e aberrante, che non ha precedenti nella storia di questa organizzazione. Un voto che, di fatto, finisce non solo per negare millenni di storia ebraica nella capitale unica e indivisibile dello Stato di Israele, ma anche per riscrivere l'intera vicenda del Cristianesimo, strettamente legata a quei luoghi, a quelle pietre, a quella eredità" scrive Di Segni rivolgendosi al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella; ai Presidenti di Senato e Camera, Pietro Grasso e Laura Boldrini; al Presidente del Consiglio, Matteo Renzi; alla Rappresentanza permanente italiana presso l'Unesco, Vincenza Lomonaco. "Al momento del voto - prosegue Di Segni - l'Italia ha scelto incomprensibilmente di astenersi, gettando un'ombra, con questa decisione, sulla sua solida amicizia con lo Stato di Israele e con l'intero popolo ebraico. A nostro modo di intendere questa scelta rappresenta un'offesa ai valori fondamentali dell'Italia stessa, ai principi della Costituzione e dell'Europa stessa, chiamata a difendere con forza ogni tentativo di distorsione, di negazionismo e revisionismo della storia. Il Muro occidentale di Gerusalemme è stato inaccessibile agli ebrei fino alla liberazione della città dall'occupazione giordana nel 1967. Solo da quella data, da quando l'Amministrazione israeliana ha riunito la città, Gerusalemme è davvero città aperta a tutte le religioni e il Kotel luogo di raccolta e di preghiera universale".
"Nei prossimi giorni - aggiunge Di Segni - questa risoluzione sarà sottoposta a un voto definitivo. Chiediamo pertanto alle più alte istituzioni dello Stato italiano di adoperarsi anche con gli altri Paesi affinché sia data voce alla verità, alla libertà, esprimendosi nel senso più risoluto a difesa dei valori che oggi uniscono i popoli, e recuperare quel tanto che resta della credibilità delle Nazioni Unite, anche in vista del nuovo corso che va aprendosi".

=======

 Il nuovo gioco dell'App Bibbia per ragazzi è pronto!

In collaborazione con OneHope, abbiamo lanciato un grande aggiornamento dell'App Bibbia per Ragazzi che la fa sembrare nuova di zecca. Abbiamo introdotto una nuova mappa interattiva, nuove icone per le storie, e rinnovate attività per le storie,1 compreso il gioco di Scambio Storie. Oggi annunciamo il nostro prossimo gioco nuovo:
Memory delle Storie.

Memory delle Storie è un gioco classico delle coppie in cui si clicca su una tessera per volta per cercare quelle uguali. Per Due a Due, la storia di Noè e l'arca, c'è una variazione carina - i ragazzi devono abbinare gli animali maschi con le loro compagne femmine.1 I vostri ragazzi vorranno giocare Memory delle Storie più e più volte mentre progrediscono attraverso tutti e tre i livelli di difficoltà. (Ogni livello aggiunge più tessere.)

Quando avrai aggiornato la tua App Bibbia per Ragazzi, cerca il distintivo Memory delle Storie sulle icone delle storie.2
==================
Il fulmine su San Pietro nella festa della Madonna del Rosario. Un altro "fulmine a ciel sereno" ha colpito San Pietro durante una festività cattolica che celebra una preghiera umile e una battaglia storica! 10 ottobre 2016. Il fulmine su San Pietro nella festa della Madonna del Rosario [ Sete di Parola, Casualmente il giorno in cui la statua di Lutero è stata fatta entrare in Vaticano come fosse la statua di un Santo....mah ] Il 7 ottobre, verso le 9:20, un fulmine ha colpito la cupola della Basilica di San Pietro, facendo tremare il Vaticano. L’evento è avvenuto nel giorno in cui ricorre la festa della Madonna del Rosario, una celebrazione che ha origine in un’umile preghiera e in una battaglia storica.
La Gendarmeria vaticana ha confermato l’evento. Non è stato riportato alcun danno. Le persone che si trovavano nei pressi del Vaticano, dalle Guardie svizzere ai negozianti locali, hanno sentito il colpo.
“Mi trovavo nella doccia, quando ho sentito un forte tuono. È durato per diversi secondi. Poi tutto ha iniziato a tremare. Sapevo che si trattasse di un fulmine, ma sembrava più un terremoto”, ha dichiarato ad Aleteia un abitante della zona.
Il proprietario di un bar locale ha detto: “Ha tremato tutto, l’ho sentito persino nei miei polmoni. Sembrava come se per un istante non avessi più aria”.
Quanto accaduto ricorda il “fulmine a ciel sereno” che ha colpito San Pietro l’11 febbraio 2013 — festa della Madonna di Lourdes — proprio poche ore dopo che Papa Benedetto XVI sorprese il Vaticano annunciando le sue dimissioni dal pontificato.
Il fulmine che ha colpito la cupola di San Pietro in Vaticano l’11 febbraio 2013. AFP PHOTO / FILIPPO MONTEFORTE
Anche il fulmine del 7 ottobre ha colpito il Vaticano durante una festa mariana: la Madonna del Rosario.
Inizialmente chiamata Madonna della Vittoria, la festa fu istituita da papa Pio V per onorare la Beata Vergine Maria per la vittoria cristiana sui turchi, nella battaglia di Lepanto.
La battaglia di Lepanto. Padre Steve Grunow (AD e produttore esecutivo della “Word on Fire” del vescovo Robert Barron) descrive così le origini della festa:
il 7 ottobre 1571 una flotta costituita dalle forze combinate di Napoli, Sardegna, Venezia, il Papato, Genova, i Savoia e i Cavalieri di Malta combatté una battaglia intensa contro la flotta dell’Impero Ottomano. La battaglia ebbe luogo nel Golfo di Corinto, nella Grecia occidentale. Sebbene le forze ottomane fossero numericamente superiori, la cosiddetta “Lega Santa” godeva di una maggiore potenza di fuoco ed ebbero la meglio. Questa vittoria ridusse drasticamente le mire di controllo dell’Impero Ottomano sul Mediterraneo, causando uno spostamento epocale delle relazioni internazionali da Est ad Ovest. Per certi aspetti, e non voglio assolutamente sembrare esagerato, il mondo che conosciamo è il risultato di questa vittoria, passata alla storia come “battaglia di Lepanto”.
Papa Pio V, le cui tesorerie finanziarono parte di questo sforzo militare, ordinò che le chiese di Roma restassero aperte giorno e notte per pregare, incoraggiando i fedeli a chiedere l’intercessione della Beata Vergine attraverso la recitazione del Rosario. Quando papa Pio seppe della vittoria della Lega Santa, aggiunse un nuovo giorno di festa al calendario liturgico. Da quel momento in poi il 7 ottobre sarebbe dovuto essere la festa della Madonna della Vittoria. Il successore di papa Pio, Gregorio XIII, cambiò il nome in festa del Santo Rosario.
LEGGI ANCHE: I 15 benefici promessi dalla Madonna a chi recita il Rosario
I biografi raccontano che, dopo la conclusione della battaglia di Lepanto, Papa Pio V si alzò e andò alla finestra, volgendo il suo sguardo ad est. Poi si girò di nuovo ed esclamò: “La fotta cristiana ha vinto!” e versò lacrime di ringraziamento.
Affresco – Il papa domenicano Pio V prega il Rosario durante la battaglia di Lepanto.
Che il fulmine del 7 ottobre possa incoraggiare i figli della Chiesa, in questo mese dedicato a Maria, a prendere l’umile ma potente arma del Rosario, mentre la Barca di Pietro continua a combattere nel corso della Storia.
16 Ottobre, Memoria viva. Molte le iniziative legate all'anniversario del 16 ottobre '43, giorno della razzia nazista al Portico d'Ottavia. Una ricorrenza che vedrà oggi la partecipazione del capo dello Stato Sergio Mattarella, che nel pomeriggio deporrà una corona davanti alla lapide commemorative, incontrerà gli ultimi sopravvissuti, visiterà la mostra allestita presso la sede della Fondazione Museo della Shoah. A quest'ultima è dedicato un ampio approfondimento su Repubblica. "Carte di archivio, memorie o testimonianze come quelle riportate in queste pagine. E poi fotografie, lettere, pagine di diari. Per comprendere ciò che è accaduto - si legge - continuare a raccontare storie e far sì che quella giornata lontana non venga rimossa né dimenticata".
Sul Corriere Roma, Paolo Conti firma un editoriale in cui auspica che questa data venga solennemente proclamata lutto cittadino dal Campidoglio. "Si dice spesso - scrive - che gli ebrei romani sono certamente i più sicuri discendenti di chi viveva nella capitale dell'impero romano. Eppure nessuna maggioranza capitolina ha voluto votare un ordine del giorno così semplice ma che rappresenterebbe, se sottratto alla ritualità, un solido cemento per la Memoria collettiva cittadina. Cosa farà la giunta Raggi? Vedremo".
Mafia-terrorismo islamico: l'asse è solido. Isis e 'ndrangheta: sarebbe in corso una collaborazione fertile. "Arte antica in cambio di armi. Affari d'oro in Italia" titola La Stampa. Nel suo reportage, Domenico Quirico racconta come Gioia Tauro, in Calabria, che sarebbe la base di smistamento dei reperti saccheggiati dai terroristi islamici. "Isis e 'ndrangheta, 'ndrangheta e Isis: a ogni passo la loro traccia visibile, la loro incredibile alleanza" scrive Quirico.
Arabi e israeliani, un balletto a Ferrara. Sul Corriere La Lettura un'intervista al coreografo israeliano Hillel Kogan, presto a Ferrara con "We love arabs". Uno spettacolo, viene spiegato, "dove ironizza in scena sulle differenze e le inevitabili somiglianze fra i due popoli".
Sempre il Corriere, recensisce una raccolta di saggi relativi al pensatore Jacques Maritain (1882-1973) sul tema dell'antisemitismo e del 'mistero di Israele'.
Adam Smulevich twitter @asmulevichmoked

=====================

   
Il trionfante vertice indo-russo di Goa
by sitoaurora

Ajay Kamalakaran, RIR, 15 ottobre 2016
India e Russia, infine, firmano un accordo per il sistema missilistico di difesa aerea S-400 Trjumf. I Paesi firmano anche altri 15 accordi dall'energia alle città intelligenti.
modiputin-621x414India e Russia, il 15 ottobre, hanno firmato 16 contratti al 17.mo vertice bilaterale annuale, nello Stato occidentale indiano di Goa. Gli accordi vanno dalla difesa all'energia, tra cui l'attesissimo accordo per l'acquisto del sistema missilistico di difesa aerea S-400 Trjumf. Anche se i dettagli immediati dell'accordo per acquisire il sistema di difesa missilistica non sono disponibili, è opinione diffusa che l'India vi spenderà 5 miliardi. Nuova Delhi ha inoltre accettato di acquistare 3 fregate Proekt 11356. L'India ha 6 fregate classe Talwar, precursori del Proekt 11356, costruite presso il cantiere Jantar di Kaliningrad. Su un programma televisivo della rete indiana Doordarshan, l'ex- ambasciatore indiano in Russia, Ajai Malhotra, elogiava l'efficienza delle fregate furtive russe.

Make in India
Nella spinta del Primo Ministro indiano Narendra Modi sull'iniziativa 'Make in India', i Paesi hanno deciso di produrre congiuntamente 200 elicotteri utility Kamov Ka-226T in India. "Gli accordi sulla produzione degli elicotteri Kamov Ka-226T, la costruzione delle fregate e acquisizione e costruzione di altre piattaforme della difesa sono in sinergia con le priorità su tecnologia e sicurezza dell'India", ha detto Narendra Modi nella conferenza stampa congiunta con il Presidente russo Vladimir Putin. Anche se non ci sono stati riferimenti diretti al Pakistan nella conferenza stampa, Modi ha detto che l'India ha profondamente apprezzato "comprensione e sostegno della Russia alle nostre azioni nella lotta al terrorismo che minaccia alle frontiere la nostra intera regione". Il Primo Ministro indiano iniziava la conferenza stampa con un detto russo: "Un vecchio amico è meglio di due nuovi".

Energia e infrastrutture
Russia e India hanno anche firmato importanti accordi energetici e infrastrutturali. La compagnia petrolifera russa Rosneft, insieme ai suoi partner, acquistava l'Essar Oil dell'India del valore di quasi 13 miliardi di dollari. È la maggiore acquisizione estera in India e il maggiore accordo mai realizzato da una società russa, secondo Reuters. Rosneft ottiene una quota del 49 per cento di Essar Oil e i due partner, l'olandese Trafigura e il fondo russo United Capital Partners, si divideranno un altro 49 per cento in parti uguali. Gli azionisti di minoranza avranno il restante 2 per cento una volta che la società sarà ricapitalizzata. La Russia inoltre decideva d'intensificare gli investimenti nelle infrastrutture dell'India. Il Fondo diretto infrastrutturale russo e il National Infrastructure Investment Fund indiano investiranno ognuno 500 milioni di dollari per creare un fondo comune per le infrastrutture da 1 miliardo. La Russia ha istituito fondi di investimento simili con la Cina, tra cui un fondo agricolo per l'estremo oriente russo. Le società russe investiranno anche nelle città intelligenti negli Stati indiani di Andhra Pradesh e Haryana. Le ferrovie indiane e russe firmavano un memorandum d'intesa per aumentare la velocità dei treni fra Nagpur e Secunderabad.

Avvio di Kudankulam 3 e 4
Via videoconferenza, Putin e Modi presenziavano all'avvio della seconda unità e lanciavano i lavori per la terza e quarta unità del Kudankulam Nuclear Power Project. Putin iniziava l'intervento alla conferenza stampa congiunta congratulandosi con i responsabili del successo dell'impianto di Kudankulam. "L'energia nucleare darà un contributo molto significativo alla sicurezza energetica dell'India", aveva detto, "Darà ulteriore impulso alla crescita dell'economia indiana". Il presidente russo aggiungeva che il suo Paese continuerà a promuovere l'ulteriore sviluppo dell'energia nucleare in India. "Nei prossimi 20 anni, almeno altri 12 reattori nucleari potrebbero essere costruiti in India con l'aiuto della Russia", aveva detto. Putin elogiava anche la cooperazione economica tra i due Paesi. "Le industrie dei due Paesi migliorano la cooperazione; e anche la cooperazione militar-tecnica migliora", aveva detto.

I principali vantaggi del vertice
"Questi accordi dimostrano che nelle relazioni indo-russe, i settori delle tecnologie militari ed energetico sono i principali campi in cui si ha una cooperazione a lungo termine", affermava Pjotr Topychkanov, esperto dell' Asia del Sud e Associato al Programma di non proliferazione del Carnegie Moscow Center, aggiungendo che l'India potrebbe beneficiare immensamente dall'acquisizione dell'S-400. "Nel contesto regionale, il sistema di difesa aerea S-400 è strategico, consentendo all'India di controllare lo spazio aereo del Pakistan". Sugli accordi energetici, comprendenti anche la proposta di Gazprom di aumentare l'impegno in India, Topychkanov affermava che la Russia apre lentamente l'industria energetica all'India. "In altre circostanze economiche e politiche la Russia difficilmente sarebbe stata d'accordo, dato che il suo obiettivo principale era l'occidente, prima delle crisi georgiana e ucraina. Ma ora Mosca è più flessibile. L'India è uno dei partner naturali nell'energia". Aggiungeva che Russia e India devono andare oltre i settori tradizionali della cooperazione. "Credo ora, che il modo più efficace sia utilizzare la cooperazione militar-tecnologica ed energetica coinvolgendo attivamente le aziende private, ampliando i contatti esistenti tra le imprese russe e indiane nel campo delle tecnologie e dei prodotti dal duplice uso". Modi e Putin avranno incontri bilaterali con altri leader dei BRICS il 15 ottobre, prima di partecipare al vertice dei BRICS.kudankulam6_826585f

Il sistema missilistico S-400 aumenterà le capacità militari dell'India
The BRICS Post  14 ottobre 20161030738398-e1450414587182Solo poche ore prima dell'ottavo vertice annuale dei BRICS, che si apre a Goa, le forze della difesa dell'India anticipavano la firma di un accordo da 5,85 miliardi di dollari per cinque sistemi missilistici di difesa aerea di nuova generazione russi S-400 'Trjumf'. L'S-400 potrà inquadrare ogni tipo di bersaglio aereo, tra cui aerei e velivoli VLO (ad osservabilità molto bassa). L'ex-Capo di Stato Maggiore indiano Generale Shankar Roy Chowdhury (a riposo) dichiarava a BRICS Post che si attendeva la firma del contratto con la Russia. "Si suppone sia uno dei migliori sistemi missilistici del mondo", ha detto Chowdhury, ex-parlamentare indiano. "Viene importato dalla Siria per contrastare gli attacchi missilistici d'Israele. La firma guarda al futuro del vertice BRICS", aggiungeva. Gli analisti militari dicono che l'acquisizione dei sistemi missilistici di difesa aerea S-400 'Trjumf'' aumenterà "drasticamente" il potenziale militare dell'India. "E quando la capacità militare viene migliorata, si migliora anche la resistenza in guerra della nazione e delle forze armate", affermava il Generale DB Shekatkar, esperto della difesa.

Sistema di difesa multiruolo
La popolarità dell'S-400 sta nel fatto che può neutralizzare droni, missili balistici e da crociera entro un raggio di 400 km e una quota di 32 km. I sistemi missilistici di difesa aerea S-400 'Trjumf' sono dotato di tre diversi tipi di missili e di un radar di acquisizione in grado di tracciare fino a 300 obiettivi entro 600 km di raggio. Il Trjumf è un sistema costituito da otto lanciatori e una stazione di controllo. Spiegando il motivo per aver optato per il sistema d'arma russo, il Generale Shekatkar affermava che le forze armate indiane cercano tre criteri nell'acquisizione di armamenti: affidabilità, robustezza e ridondanza. "Perciò stipuliamo questo accordo con la Russia sull'S-400", aggiungeva. "Acquisiamo armi e tecnologia dalla Russia da tempo, e la Russia è il nostro partner strategico. Le guerre del 1965, 1971 e Kargil dimostrano che l'equipaggiamento russo è affidabile", affermava riferendosi alle guerre che l'India combatté con il vicino Pakistan. Altri analisti sostengono che l'India abbia la necessità degli S-400 e quindi l'acquisto imminente sia una buona acquisizione per le forze armate. "L'India firma alcuni accordi importanti con la Russia acquisendo S-400 ed elicotteri", afferma Nitin Gokhale, analista della difesa, "Ci sarà anche un programma sull'FGFA (caccia di quinta generazione) e questo guarda al futuro".modi-and-putin_1_0Traduzione di Alessandro Lattanzio - SitoAurora
sitoaurora | ottobre 15, 2016 alle 17:20 | Etichette: accordi commerciali, accordi internazionali, anti-egemonia, anti-egemonismo, antiatlantismo, antimperialismo, Asia meridionale, Asia orientale, Banca BRICS, Beijing, Blocco antiegemonico, Blocco BAO, blocco eurasiatico, BRICS, Collective Security Treaty Organization, CSTO, diplomazia, diplomazia energetica, economia, economia internazionale, economia mondiale, economia politica, economia regionale, equilibrio mondiale, Estremo Oriente, EurAsEC, eurasia, Eurasian Trade Zone, eurasiatismo, Federazione Russa, Gas, gasdotti, gasdotto, geo-comunicazioni, geo-energia, geo-energie, geo-influenza, geo-risorse, Geoeconomia, geoenergia, geofilosofia, geografia, geoinfluenza, Geopolitica, georisorse, Geostrategia, Giacimenti, giacimenti di idrocarburi, globalizzazione, India, industria dell'energia, industria della difesa, Islambad, mercato mondiale, mondializzazione, Mondo Multipolare, Mosca, multipolarismo, Narendra Modi, NBS, NDB, Nuova Banca di Sviluppo, Nuova Via della Seta, Nuovo ordine mondiale, OCS, oleodotti, oleodotto, oleogasdotti, oleogasdotto, Organizzazione della Cooperazione di Shanghai, Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai, Pacifico-Asia, Paesi BRICS, Pakistan, Patto di Shanghai, Pechino, Petrolio, petrolio energia, Politica della difesa, politica della sicurezza, politica economica, politica energetica, politica industriale, politica internazionale, politica mondiale, politica regionale, relazioni economiche, relazioni estere, relazioni industriali, relazioni internazionali, Repubblica Popolare Cinese, Repubblica Popolare di Cina, RIC, risorse di idrocarburi, risorse energetiche, risorse finanziarie, Rosneft, Russia, Russia e Cina, Russia-India, S-400, S-400 Trjumf, SCO, sfera d'influenza, Shanghai, Shanghai Cooperation Organization, Siberia, Silk Road Belt, sistema bancario, sistema finanziario, sistema internazionale, sovranismo, sovranità, strategia, Unione dello Spazio Economico, unione economica eurasiatica, Unione Eurasiatica, Unione Indiana, Vladimir Putin | Categorie: Difesa, Eurasia, Geopolitica | URL: http://wp.me/p1qi5U-6Et  
==================
my ISRAEL CINA RUSSIA, poi dicono che sono io il ragazzo cattivo: ma, se non verrà rasa al suolo: Mecca Kaaba? i satanisti 666 farisei salafiti massoni conquisteranno il mondo! my ISRAEL  I TUOI NAZISTI SHARIAH NEMICI LEGA ARABA? stanno morendo! tutti quelli del Gufo: Rothschild Bildenberg farisei salafiti shariah: MECCA KAABA: SpA FMI BM NWO 666 NATO CIA Belzebuul: le bestie di satana: DEMO PLUTO GIUDAICO MASSONE? TUTTI loro stanno morendo! [ DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF: DA UN CIMITERO devono uscire, ed un cimitero devono entrare: definitivamente! ] Gezabele queen Elisabetta UK second, CIA: #Merkel, #Clinton #Hillary #NATO, #FED, #BCE, #SPA FMI BM: Rothschild il regime massonico, 666 NWO: signoraggio bancario: alto tradimento ] come è stato, il vostro momento maledetto, cioè, che voi avete perso la Vostra verginità anale? ] drink your POISON, made by yourself, amen ] C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux, Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce, N. D. S. M. D. Non draco, sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo I.V. B. Ipsa Venena Bibas Bevi tu stesso i tuoi veleni. [ DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF: DA UN CIMITERO devono uscire, ed un cimitero devono entrare: definitivamente! ] In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!
====
  
i am lorenzoJHWH and Unius REI ] [ revenge Yitzhak Kaduri ] se, tutti gli ebrei del mondo non torneranno dal loro Dio JHWH in Arabia SAUDITA? tutto il genere umano potrebbe presto scomparire in un solo Olocausto nucleare
Crankwhistle SaintThomas https://www.youtube.com/user/Crankwhistle
ALL JEWS IN THE US GOVERNMENT "PACK YOUR BAGS AND HEAD TO ISRAEL" WHERE YOU BELONG...IF YOU STAY YOU MAY HANG FOR THE DESTRUCTION OF THE TWIN TOWERS...YOU JEWS ARE FALSE FLAGGING BASTARDS AND YOUR MOSSAD DEMOLITION. Sharia Dhimmi Schiavo AKBAR. OBIETTIVO di USA, LEGA ARABA e loro "galassia jihaista" satanismo e sharia; è sempre quello di riuscire a creare un corridoio tra Iraq e Siria per fare passare il metano del Golfo Persico in Europa, ed ecco perché, la CIA OCI NATO ONU hanno fatto il genocidio di tutti i cristiani di Siria e Iraq, così hanno cancellato 2000 anni di storia! Iraq: Abadi, cominciata offensiva per liberare Mosul, Isis arretra, l'esercito siriano libero (Fsa) conquista Dabiq

=================
I am the vine; you are the branches. If a man remains in Me and I in Him, He will bear much fruit; apart from Me you can do nothing. (John 15:5) COURAGE FROM JESUS
Yesterday we read the testimony of Kefa Sampangi in Uganda when he was threatened with death by Idi Amin’s goon squad. The story continues:
“Father in heaven,” I prayed, “You who have forgiven men in the past, forgive these men also. Do not let them perish in their sins but bring them into Yourself.”
It was a simple prayer, prayed in deep fear. But God looked beyond my fears and when I lifted my head, the men standing in front of me were not the same men who had followed me into the vestry. Something had changed in their faces.
It was the tall one who spoke first. His voice was bold but there was no contempt in his words, “You have helped us,” he said, “and we will help you. We will speak to the rest of our company and they will leave you alone. Do not fear for your life. It is in our hands and you will be protected.”
I was too astonished to reply. The tall one only motioned for the others to leave. He himself stepped to the doorway and then he turned to speak one last time. “I saw widows and orphans in your congregation,” he said. “I saw them singing and giving praise. Why are they happy when death is so near?”
It was still difficult to speak but I answered him. “Because they are loved by God. He has given them life, and will give life to those they loved, because they died in Him.”
His question seemed strange to me, but he did not stay to explain. He only shook his head in perplexity and walked out the door. I stared at the open door of the vestry for several moments and then sat down on a nearby straw mat chair. My knees were no longer strong and I could feel my whole body tremble. I could not think clearly. Less than ten minutes before, I had considered myself a dead man. Even though I was surrounded by 7,000 people there was no human being to whom I could appeal. I could not ask the elders to pray, I could not appeal to the mercy of the Nubian killers. My mouth had frozen and I had no clever words to speak. In that moment, with death so near, it was not my sermon that gave me courage, or an idea from Scripture. It was Jesus Christ, the living Lord. [21]
RESPONSE:
Today I will walk in the power of the living Lord and not in my own strength or courage.
PRAYER:
Lord, help me realise that You are my sufficiency. Without You, I can do nothing.
=====
La Russia si prepara alla guerra, mentre gli USA sono persi
by sitoaurora

Il risultato finale del silenzio ufficiale negli Stati Uniti sulla disponibilità della Russia a difendere ciò che considera interesse nazionale è che gli statunitensi navigano alla cieca
Gilbert Doctorow, Russia Insider 14/10/2016
G. Doctorow è il coordinatore europeo del Comitato statunitense per l'Accordo Est-Ovest. Il suo ultimo libro 'La Russia ha un futuro?' è stato pubblicato nell'agosto 2015.putin_vsIn un'intervista con il quotidiano Bild, l'8 ottobre, il ministro degli Esteri tedesco Frank-Walter Steinmeier, noto per la sua retorica cauta, descriveva l'attuale situazione internazionale nei seguenti termini dolorosi: "...Purtroppo è un'illusione credere che questa sia la vecchia guerra fredda. I nuovi tempi sono diversi; sono più pericolosi. In precedenza, il mondo era diviso, ma Mosca e Washington conoscevano le reciproche linee rosse e le rispettavano. Un mondo con molti conflitti regionali e la riduzione dell'influenza delle grandi potenze, diventa più imprevedibile". Per tali ragioni, disse Steinmeier, "Stati Uniti e Russia devono continuare a parlarsi". Concluse l'appello con raccomandazioni abbastanza equilibrate nel risolvere la crisi umanitaria di Aleppo est, sollecitando la Russia e le altre potenze ad applicare la loro influenza sui loro clienti del posto. Triste a dirsi, quest'appello alla ragione cadeva nel vuoto. Lo stesso giorno, un portavoce del dipartimento di Stato degli Stati Uniti spiegava la decisione di Washington del fine settimana di chiudere il processo di pace congiunto con Mosca, dicendo che non c'era "niente di cui parlare con i russi". Nel frattempo, i russi l'hanno considerata l'ultima goccia dell'unilateralismo strombazzando come gli statunitensi abbiano seppellito l'accordo firmato il 9 settembre tra John Kerry e Sergej Lavrov che aveva richiesto 14 ore di negoziati ed era visto come trionfo della cooperazione sul confronto. Di fatto, dal punto di vista russo, l'accordo è stato sabotato il 17 settembre dal Pentagono, quando aerei della coalizione degli Stati Uniti bombardavano un avamposto militare del governo siriano a Dayr al-Zur uccidendo più di 60 soldati siriani. E difatti i russi sospendevano l'attuazione del cessate il fuoco il 23 settembre, quando rinnovarono i bombardamenti su Aleppo est, in collaborazione con le unità delle forze aeree e di terra siriane. Ora che gli Stati Uniti formalizzano la fine della cooperazione sulla Siria, la Russia illustra la propria risposta netta, chiamata 'cambio radicale nelle relazioni' tra i due Paesi. Molti aspetti della risposta russa del 3 ottobre e della settimana seguente furono notati dai media di Stati Uniti ed occidentali. Abbiamo saputo della decisione di annullare la convenzione bilaterale conclusa con gli Stati Uniti nel 2000, il ritrattamento delle armi al plutonio per produrre energia. Questo fu ampiamente commentato come d'importanza marginale, dato che gli Stati Uniti non potevano attuare l'accordo per mancanza di appositi impianti di conversione e per i costi da 18 miliardi di dollari, se l'avessero attuato. Abbiamo sentito della Russia svolgere esercitazioni di protezione civile riguardanti 40 milioni di cittadini, anche se nessuno poteva trovarvi molto senso. Abbiamo saputo del Ministero della Difesa russo che inviava in Siria i sistemi missilistici di difesa aerea operativi più avanzati, S-300 e S-400, ma i portavoce del Pentagono si dichiaravano sbalorditi chiedendosi retoricamente quale ne fosse lo scopo. Infine, abbiamo saputo questa settimana che la Russia ha ufficialmente schierato i missili superficie-superficie ipersonici a testa nucleare da 500 km di gittata Iskander, nell'enclave di Kaliningrad. I militari polacchi immediatamente espressero sgomento, sentendosi in pericolo e dicendo che allertavano le difese. Tuttavia, il portavoce del Pentagono diceva che non vi era alcun motivo di vedervi in questo dispiegamento qualcosa di diverso dall'ultimo a Kaliningrad di due anni prima, e che era solo un'esercitazione. Da ciò, sembrerebbe che il governo degli Stati Uniti cerchi di tranquillizzare il pubblico sulle mosse russe della scorsa settimana. E' in tale contesto che va apprezzato un programma televisivo russo, non ufficiale ma autorevole, che aggiungeva un paio di punti importanti, collegandoli e facendo capire ai profani il senso delle iniziative russe.
Il programma della TV Rossija 1 di cui parlo è Vesti Nedeli (Notizie della settimana) presentato da Dmitrij Kiseljov. Le due ore del programma in prima serata sono il notiziario più seguito nel Paese con decine di milioni di telespettatori. Tuttavia, il 9 ottobre, il vero pubblico della prima mezz'ora, descritta di seguito, era Washington DC, nell'intento di raffreddare i bollori di Pentagono e CIA, e far rinsavire la leadership statunitense. Dmitrij Kiseljov non è solo il conduttore di Vesti Nedeli, ma il caporedattore dell'informazione nella programmazione radiotelevisiva. È un patriota duro, e possiamo supporre che ciò che dice sia approvato dal Cremlino. Data l'importanza del messaggio di Kiseljov, citerò ampiamente la trascrizione del resoconto, con piccoli tagli:
“La scorsa settimana le relazioni tra Stati Uniti e Russia subivano una brusca virata, ma prevista. Piegarsi ulteriormente alle bugie (degli statunitensi) non ha senso ed è semplicemente dannoso. Con piegarsi intendiamo cercare compromessi diplomatici. Avevamo infinite aspettative sugli Stati Uniti che finalmente separavano i non terroristi dai terroristi. Abbiamo aspettato più di un anno, ma è chiaro che non vogliono. Gli USA e il mondo intero ci credono stupidi. Gli USA collaborano con al-Nusra, coprendola sul piano diplomatico; rifornendola di armi; aiutandola bombardando per presunto errore una postazione dell'esercito siriano. Vedasi l'esplosione di dichiarazioni anti-russe sui media statunitensi. Se continuiamo con gli statunitensi, la nostra stessa presenza in Siria perderà senso. Invece, lavorando con il legittimo governo siriano possiamo liberare il Paese dai terroristi, garantendo la sicurezza di Medio Oriente, Russia ed Europa. Chi vuole può unirsi a noi. Gli Stati Uniti sembravano voler aderire, poi ci ripensarono tagliando la cooperazione militare con la Russia sulla Siria, con una sola eccezione; le comunicazioni per evitare scontri militari in Siria restano in vigore, al momento. Formalmente la situazione è tornata a prima del 9 settembre, quando Kerry e Lavrov si accordarono sulla tregua. Ma poi Ashton Carter entrava in scena, aprendo un secondo fronte e forzando Kerry a combattere su due fronti. Se Kerry pensava di affrontare i russi, ora finiva sotto il 'fuoco amico' del Pentagono. Le forze statunitensi hanno bombardato direttamente un avamposto militare siriano. Non ci fu alcun errore, ma fu coordinato con i terroristi che seguirono con un attacco. Poi ci fu un attacco occulto al convoglio umanitario nei pressi di Aleppo (20 settembre). Infine, è chiaro a Mosca che la diplomazia è semplicemente un "servizio" del Pentagono. Kerry giustifica intellettualmente le azioni del Pentagono. Spesso, post factum. Rivedremo questa sera i cambiamenti radicali nelle nostre relazioni con gli USA, come l'invio nella regione di 3 nostre navi lanciamissili dotate di Kalibr L'invio in Siria di ulteriori sistemi di difesa aerea S-300 e l'invio in Egitto di 5000 nostri paracadutisti. La fine degli accordi con gli USA sul nucleare e l'esercitazione della protezione civile che coinvolgeva 200000 effettivi della difesa civile riguardante 40 milioni di cittadini. Non ricordo una tale serie di eventi precedenti. Il centro dell'attenzione è Aleppo est, ancora occupata da terroristi con centinaia di migliaia di civili in ostaggio come scudo umano. Giustiziano coloro che vogliono andarsene, e non possiamo tollerarlo più. I terroristi non rispettano gli accordi. L'esercito siriano attua un'operazione di assalto. Vi sono così tante menzogne e urla nel mondo su questo...
E' un fatto grave che gli Stati Uniti esaminino le azioni della Russia contro i terroristi in Siria come minaccia alla propria eccezionalità. Lo scenario non va secondo i piani degli Stati Uniti, quindi qual è il senso di tali pretese su dominio e leadership statunitensi. Sembra che Barack Obama se ne vada prima di Bashar Assad. E i loro sporchi trucchi contro la Russia, le sanzioni, non funzionano. A dire il vero, Washington aveva rumorosamente annunciato di passare al cosiddetto Piano B. Formalmente non ci sono dettagli. Ma in termini generali, tutti sanno di cosa si tratta. Il Piano B è l'uso della forza militare diretta degli USA in Siria. Non è difficile indovinare contro chi, contro Bashar Assad e l'Esercito governativo, e questo significa contro le forze armate della Russia, presenti in Siria legalmente. Possiamo escludere tale cambio? No. Non possiamo escludere provocazioni per giustificare la guerra, come è accaduto in passato nelle due guerre mondiali. La guerra del Vietnam fu inoltre avviata con una provocazione organizzata dagli statunitensi. Si vedano i falsi pretesti per invadere l'Iraq e la Libia. Gli USA ignorano il diritto internazionale e hanno deciso che non ci siano ostacoli ai loro assalti. Mosca ha reagito con calma al Piano B. La Russia prepara la sella lentamente, ma poi cavalca velocemente. Per capire come le relazioni Russo-statunitensi abbino rapidamente cambiato direzione, torniamo all'inizio della settimana. Seguiamo ora gli eventi della settimana. Prima di tutto voglio dirigere la vostra attenzione sul discorso pubblico di Putin. Parlò più silenziosamente e lentamente del solito. Formalmente apriva la sessione della 7.ma Duma. Ma si rivolgeva a questioni molto centrali per le nostre anima e mente. Le sue parole non erano sui progetti di legge, ma sull'essenza del momento. Putin ha ritenuto importante parlare alla base, dell'unità del popolo essenziale per l'esistenza del nostro Paese. La forza è essenziale per mantenere la nostra statualità. In questa sessione alla Duma, Putin presentava il progetto di legge per finirla sulla convenzione sul plutonio con gli Stati Uniti”.
Kiseljov qui associava il discorso di Putin alla Duma e il disegno di legge per chiudere la convenzione sul plutonio, che non sarebbe evidente agli estranei. Ancora più importante, richiamava l'attenzione sul contenuto di tale progetto di legge, a partire dalla ragione di ciò che chiamava "cambio radicale delle circostanze, l'emergere di una minaccia alla stabilità strategica date le azioni ostili degli Stati Uniti d'America contro la Federazione russa e la loro incapacità di garantire l'adempimento agli obblighi di riprocessare il plutonio militare in conformità all'accordo e ai suoi protocolli". Kiseljov poi passa all'importantissimo punto 2 del disegno di legge. Il testo veniva proiettato sullo schermo con le disposizioni evidenziate in giallo mentre Kiseljov le leggeva. Una copia del testo è disponibile online.
I passaggi evidenziati sono i seguenti:
"La validità dell'accordo e dei protocolli dell'accordo può essere rinnovata dopo l'eliminazione da parte degli Stati Uniti d'America delle cause che hanno portato al cambio radicale delle circostanze esistenti il giorno dell'entrata in vigore dell'accordo e dei protocolli dell'accordo, a condizione:
1) che l'infrastruttura militare e i contingenti di truppe degli Stati Uniti d'America di stanza sui territori degli Stati membri dell'Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) entrati nella NATO dopo il 1 settembre 2000 siano ridotti al livello del giorno di entrata in vigore dell'accordo e dei protocolli dell'accordo
2) che gli Stati Uniti d'America rinuncino alla politica ostile nei confronti della Federazione Russa, che va espressa:
a) abrogando la legge del 2012 degli Stati Uniti d'America (legge Sergej Magnitskij) e le disposizioni di legge del 2014 degli Stati Uniti d'America a sostegno della libertà dell'Ucraina contro la Russia
b) annullando tutte le sanzioni introdotte dagli Stati Uniti d'America contro soggetti della Federazione Russa, individui ed enti giuridici russi
c) risarcendo i danni alla Federazione Russa per le sanzioni indicate nel punto 'B', tra cui le perdite dovute all'introduzione delle necessarie contromisure alle sanzioni degli Stati Uniti d'America
d) presentando un chiaro piano per il riprocessamento irreversibile del plutonio dagli Stati Uniti d'America, rientrando nel campo di applicazione dell'accordo".
Vladimir Putin, Sergei Shoigu Kiseljov giustamente chiamava queste disposizioni "ultimatum" alla Casa Bianca. Era sbalorditivo, ma il messaggio del Cremlino a Washington sono le azioni, non solo le parole; e Kiseljov spiegava come il governo abbia sospeso anche il programma dei contatti scientifici con gli Stati Uniti nel settore nucleare. Lo stesso giorno cancellava un programma di cooperazione tra Rosatom e dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti sui reattori nucleari. Poi, come notava Kiseljov, i russi "passano dai freni all'acceleratore" inviando 3 navi lanciamissili della Flotta del Mar Nero nel Mediterraneo orientale, in risposta agli Stati Uniti nel caso procedessero al Piano B. Queste navi sono dotate di due tipi di missili: il missile da crociera Kalibr che può essere a testata nucleare ed ha una gittata di 2600 km contro bersagli terrestri e il missile supersonico Oniks per attaccare le navi nemiche. Anche nel giorno che chiamava 'martedì nero', il governo russo confermava di aver installato il sistema di difesa aerea S-300 in Siria. Spiegando, Kiseljov utilizzava dei video della dichiarazione del Capo del Servizio Stampa ed Informazione del Ministero della Difesa Igor Konashenkov, che rispondeva a domande sulla campagna siriana della Russia. Konashenkov affermava che la difesa aerea è stata installata per rispondere alle minacce francesi e statunitensi d'imporre una 'no fly zone', date le lezioni apprese dall'attacco della coalizione contro le forze siriane a Dayr al-Zur il 17 settembre. Konashenkov sottolineava che probabilmente passerà tempo prima di una qualsiasi discussione con gli statunitensi su aerei stealth o missili in volo: saranno abbattuti "qualunque cosa i dilettanti" dei circoli militari statunitensi possano pensare. Spiegava che militari russi si trovano in aree abitate della Siria svolgendo compiti umanitari e trattando con le milizie locali che depongono le armi, offrendosi come intermediari. Pertanto, eventuali attacchi aerei degli USA in Siria probabilmente colpirebbero anche le forze russe, cosa assolutamente inaccettabile. Poi Kiseljov ricordava al pubblico che la Russia notifica ufficialmente a Washington di ritenere gli impianti della difesa missilistica costruiti in Romania e in costruzione in Polonia una violazione della Convenzione sui missili intermedi, in quanto possono utilizzare missili offensivi quanto difensivi. La Russia per ora non si ritira dalla Convenzione sui missili a intermedi, il maggiore accordo sul controllo degli armamenti degli anni Reagan-Gorbaciov, ma si prepara ad abrogarla a discrezione. Questo era il contesto dell'annuncio di Mosca, lo stesso giorno che dispiegava il sistema missilistico Iskander a Kaliningrad. Il suggerimento è che questo sarà permanente, slegato da qualsiasi esercitazione. Durante la stessa settimana, il Ministero della Difesa russo annunciava un'esercitazione militare senza precedenti in Egitto inviandovi 5000 paracadutisti dotati di nuove uniformi desertiche e un nuovo paracadute. Secondo Kiseljov, il Viceministro della Difesa russo Pankov dichiarava che il ministero esaminava la riattivazione delle basi militari a Cuba e in Vietnam. E in occasione del lancio nello spazio del primo Sputnik, Mosca celebrava la Giornata del Corpo Missilistico mostrando clip degli ultimi lanci di missili "più telegenici".
Riassumendo, Kiseljov riconosceva che questi eventi danno l'impressione di una situazione assai tesa, affermando che è conseguenza della campagna degli USA di continua espansione della NATO, della rinuncia del Trattato ABM, delle rivoluzioni colorate, della denigrazione della Russia e della guerra d'informazione basata su menzogne. Tali atti ostili vanno fermati. Chiese retoricamente: è pericoloso? Rispondendo in modo affermativo. Tuttavia, se la Russia è moralmente e fisicamente preparata a una guerra con gli Stati Uniti per difendere ciò che vede come interessi nazionali, anche in Siria, Kiseljov chiudeva con una nota non belligerante affermando che il messaggio del governo russo è che si prepara al peggio, sperando di ottenere migliori risultati. Citava Dmitrij Peskov, addetto stampa di Putin, che insisteva che la Russia è sempre pronta a cooperare. Per quanto pessima apparisse l'enumerazione del "cambio radicale nelle relazioni" di Mosca con gli Stati Uniti, la panoramica delle azioni ed intenzioni russe nel programma di Kiseljov non era esaustiva. Nella stessa settimana ci furono notizie sui piani russi per stabilire ciò che non c'era mai stato durante la guerra fredda, una base navale in Egitto che dovrebbe sostenerne le operazioni nel Mediterraneo occidentale (!) La menzione dell'argomento delle basi militari all'estero appariva su un altro programma serale di punta della televisione di Stato russa, l'edizione del 9 ottobre di 'Domenica sera con Vladimir Solovjov', il più popolare e rispettato talk show di Rossija 1. Come solito, l'edizione aveva solo relatori russi, per lo più di alto profilo. La politologa più apprezzata era Irina Jarovaja, una decisa deputata della Duma molto intelligente e nota come autrice di ciò che Snowden chiama Legge del Grande Fratello, dello scorso luglio. Jarovaja è stata recentemente nominata Vicepresidentessa della Duma di Stato, ed apriva la trasmissione concentrata su relazioni USA-Russia e forza militare comparata. Jarovaja notava come dal 1992 il bilancio della difesa degli USA si fosse moltiplicato 77 volte lo scorso anno, mentre quello della Russia era solo 10 volte maggiore. Oggi, osservava, gli Stati Uniti coprono il 36% delle spese militari globali mentre la Russia il 4%. Perché gli Stati Uniti hanno bisogno di una tale sproporzionata struttura militare? Risposta: dominare il panorama politico. In tale contesto, spiegava, la Russia raffredda tale idea di dominio. A questo punto, il secondo politico che entrava nel dibattito aveva una qualificazione importante. Vladimir Zhirinovskij, a capo del partito nazionalista LDPR, che aveva avuto successo nelle elezioni di settembre, e premiato con la presidenza del comitato della Duma sulle relazioni estere, altro particolare della vita politica russa passato praticamente inosservato dai commentatori di Stati Uniti ed occidentali. Zhirinovskij insisteva sulle capacità militari più favorevoli alla Russia rispetto a quanto suggerissero i dati rozzi. Dopo tutto, spiegava, gran parte del bilancio della difesa degli Stati Uniti riguarda carta igienica, salsicce e pulizie per le loro 700 basi estere. Fermo restando l'osservazione caustica sulle basi in generale, e la comprensione acuta che tale forza di proiezione sia anche debilitante, Zhirinovskij nel programma suggeriva che la Russia farebbe bene a stabilire un centinaio di basi all'estero! Per capire bene cosa significhino delle possibili basi militari russe all'estero, va ricordato che in un passato non così lontano, Vladimir Putin osservò che il Paese non dovrebbe avere basi all'estero, distinguendo la Russia dall'altra superpotenza. Non abbiamo alcuna ambizione di essere una superpotenza, disse poi. Quelli del partito bellico degli Stati Uniti che parlano del sogno di Putin di ristabilire l'Unione Sovietica ripetono all'infinito tale totale assurdità. Ma c'è un sogno, un nuovo sogno a Mosca che non esisteva fino al confronto diretto ed esistenziale con gli Stati Uniti; che la Russia comprende di non essere solo una grande potenza, ma una superpotenza dagli interessi globali. In questo senso, presentandole ostilità e sfide gravi, gli Stati Uniti hanno creato una Russia che li spaventa.
Tutte le informazioni di questo commento sono open source. I programmi televisivi sono accessibili ai funzionari dei servizi segreti statunitensi di stanza nella nostra ambasciata a Mosca. Sono anche accessibili agli analisti di Langley interessati, dato che finiscono entro 24 ore su youtube. Inoltre la CIA ha un proprio agente che prende parte ai talk show serali diversi giorni alla settimana. È un gradito ospite della televisione di Stato russa per le eccezionali abilità linguistiche e la difesa della linea politica di Washington, che ne fa l'americano che gli spettatori russi amano odiare. In tale veste, si scontra regolarmente con i leader politici russi ed ha la possibilità, nelle pause, di far quel tipo di domande che un politico indicò una settimana prima: "Ci sarà la guerra?" Se la dirigenza della nostra intelligence fa il suo lavoro in modo professionale, e dobbiamo presumere che sia così, vi sono dei briefing per il presidente Obama e i due candidati alla presidenza sugli sviluppi nelle relazioni russo-statunitensi, come ho già sottolineato. In tal caso, una domanda sconcertante e scandalosa sorge spontanea: perché il presidente non ha detto una parola sul 'cambio radicale nei rapporti' con la Russia? E perché i due candidati alla domanda su come rispondere alle uccisioni ad Aleppo est, in TV quella stessa sera, il 9 ottobre, non ne sapevano nulla. Infatti, le osservazioni di Hillary Clinton secondo cui gli Stati Uniti devono opporsi ai russi e imporre una zona di non volo in Siria non indicava che ciò significherebbe la distruzione di aerei e navi degli Stati Uniti o, in altre parole, la terza guerra mondiale. O lei e il suo team politico non sono attenti o mentono. Da parte sua, Donald Trump se n'è uscito un po' meglio dicendo che, per quanto ha capito, la causa è persa. Tale valutazione è molto vicina alla realtà. Il risultato del silenzio ufficiale negli Stati Uniti sul messaggio di sfida della Russia e l'invio di mezzi militari in Siria per difendere ciò che interpreta come interesse nazionale, è che siamo una nazione che naviga alla cieca.199e4b266a3d97d5ede1812040b22ff7_articleTraduzione di Alessandro Lattanzio - SitoAurora
sitoaurora | ottobre 15, 2016 alle 15:54 | Etichette: anti-egemonia, anti-egemonismo, anti-terrorismo, antiatlantismo, antimperialismo, antiterrorismo, armamenti, atlantismo, Barack Obama, Blocco americanista occidentalista, Blocco antiegemonico, Blocco BAO, blocco eurasiatico, Bombardieri strategici, CIA, circolo polare artico, Collective Security Treaty Organization, commando, commandos, complesso militar-industriale, Comunità degli Stati Indipendenti, controspionaggio, controterrorismo, covert operation, Covert Operations, Crimea, CSI, CSTO, Defenders of Friendship-2016, Difesa, difesa strategica, diplomazia, egemonismo, esercito russo, eurasia, Federazione Russa, forze armate russe, Forze speciali, Geoeconomia, Geopolitica, Geostrategia, guerra asimmetrica, guerra coperta, guerra d'influenza, guerra d'informazione, guerra d'intelligence, guerra di 4.ta generazione, guerra per procura, guerra psicologica, Imperialismo, intelligence, intelligence russa, medioriente, Mediterraneo, Mondo Multipolare, Mosca, multipolarismo, NATO, neocon, neoimperialismo, North Atlantic Treaty Organization, Nuovo ordine mondiale, operazioni coperte, operazioni speciali, Politica della difesa, politica della sicurezza, politica internazionale, politica regionale, psico-guerra, psy-op, psy-ops, psy-war, psyop, psyops, psywar, relazioni estere, relazioni internazionali, Russia, Russian Technologies, sanzioni economiche, servizi di sicurezza, servizi segreti, sfera d'influenza, Siria, sistema internazionale, sovranismo, sovranità, strategia, talassocrazia, tattica, tattiche, tecnologia della difesa, tecnologia militare, terrorismo di Stato, terroristi, USA, vicino oriente | Categorie: Difesa, Eurasia, Geopolitica | URL: http://wp.me/p1qi5U-6Ek  

===================
   
Putin: L’India è un partner strategico privilegiato della Russia
by sitoaurora

Kremlin 13 ottobre 2016
In vista della visita in India, Vladimir Putin ha rilasciato un'intervista a Rossija Segodnja. International News Agency e IANS News AgencyВстреча президента РФ В. Путина с премьер-министром Индии Н. МодиLe relazioni russo-indiane possono essere qualificate come partnership strategica privilegiata. Sull'economia, un perfetto esempio è la cooperazione nell'energia atomica, in particolare nella costruzione del NPP di Kudankulam. Quali altri settori della cooperazione russo-indiana parlano di un successo simile?
L'India è un partner strategico particolarmente privilegiato della Russia. La cooperazione tra i nostri Paesi compie buoni progressi in tutte le aree secondo i forti tradizionali amicizia, fiducia e mutuo rispetto. Russia e India sono alleati che garantiscono sicurezza strategica e stabilità, e costruzione di un ordine mondiale giusto. Lavoriamo a stretto contatto nelle principali organizzazioni multilaterali come BRICS, G20 e ONU. Questo ottobre saranno 16 anni dalla firma dello strumento chiave delle relazioni russo-indiane, la Dichiarazione sul partenariato strategico. Abbiamo fatto molto per promuovere l'intero meccanismo dei legami bilaterali durante questo periodo. I due Paesi hanno un dialogo politico attivo, con vertici ogni anno. La Commissione inter-governativa sulla cooperazione commerciale, economica, scientifica, tecnica e culturale lavora in modo efficiente. I nostri ministri degli Esteri, direttori dei consigli di sicurezza e dei ministeri sono regolarmente in contatto. Vi è un graduale aumento degli scambi inter-parlamentari, interregionali, commerciali e umanitari. Abbiamo sviluppato un quadro giuridico forte con oltre 250 accordi. L'India è stato e rimane il principale partner del commercio estero della Russia. Anche se il commercio tra i Paesi è sceso del 7,8 per cento nel 2015, insieme ai nostri partner indiani siamo decisi a superare la tendenza negativa che, a nostro avviso, è in gran parte associata alla volatilità sui mercati globali e dei tassi di cambio. Tanto più che i nostri scambi commerciali sono reciprocamente vantaggiosi e la loro struttura dimostra la complementarietà delle due economie. Chimica e ingegneria rappresentano una quota considerevole delle esportazioni della Russia e delle esportazioni dal Vostro Paese. L'industria energetica ha un ruolo importante nella cooperazione commerciale ed economica tra Russia e India. La costruzione del NPP Kudankulam è il più grande progetto a lungo termine. Nell'agosto 2016, il Primo ministro Narendra Modi ed io partecipammo ad una cerimonia dedicata all'attivazione della prima unità della centrale nucleare di Kudankulam della Repubblica dell'India. La seconda unità sarà attivata nel prossimo futuro. Il funzionamento del primo e secondo gruppo a piena capacità nominale aumenta significativamente la produzione di energia dell'India e ne rafforza la sicurezza energetica. La Rosatom State Atomic Energy Corporation e la Nuclear Power Corporation of India avviano i preparativi per la costruzione delle unità 3 e 4. I lavori sono in corso secondo il programma concordato. Il progetto è realizzato con il finanziamento della Federazione Russa. Il prestito del governo è pari a 3,4 miliardi di dollari, o l'85 per cento del valore totale dei contratti conclusi con le organizzazioni russe. Ora lavoriamo alla localizzazione della produzione di componenti in India. Abbiamo iniziato la valutazione della costruzione di centrali nucleari in altri siti in India. E viene stabilita la cooperazione tecnologica nel campo dell'arricchimento dell'uranio. Rafforziamo la cooperazione bilaterale nell'energia convenzionale. Durante il St Petersburg International Economic Forum tenutosi nel giugno 2016, Rosneft e un consorzio indiano firmavano un contratto per la vendita del 23,9 per cento delle azioni di Vankorneft, che possiede il campo Vankor nella regione di Krasnojarsk. Inoltre, Rosneft ha venduto una quota di azioni della Taas-Jurjakh Neftegazodobycha, società che sviluppa un giacimento in Siberia orientale, alle aziende indiane. Migliorare la struttura del fatturato commerciale, aumentando l'invio di prodotti ad alta tecnologia e sviluppando la cooperazione industriale, sono temi di attualità. Ben note società russe come Silove Mashinij, Gazprom, Strojtransgaz, Novolipetsk Steel (NLMK), Uralmashzavod, SIBUR Holding, Mechel, KAMAZ e molte altre operano nel mercato indiano. La realizzazione di grandi progetti promettenti è in corso nelle industrie meccanica, chimica e mineraria, aeronautica, farmaceutica, medicale, nanotecnologica e biotecnologica. La cooperazione nelle finanza e banche che coinvolge, tra gli altri, Banca VTB e Sberbank della Russia, avanza. E' ovvio che le società russe vedano prospettive reali e assai attrattive nel mercato indiano. I nostri Paesi collaborano attivamente nell'industria militare. Le Russia rimane in testa nella fornitura diretta della maggior parte delle armi ed attrezzature militari avanzate e nella ricerca così come nella produzione congiunte con l'India per scopi militari. La costruzione del missile da crociera supersonico BrahMos e lo sviluppo del nuovo aereo da combattimento di quinta generazione sono tra i progetti comuni riusciti. Mi si permetta di aggiungere che molti progetti russi in India non solo hanno importanza commerciale ma svolgono anche un ruolo sociale ed economico significativo per le economie dei due Paesi, inserendosi armoniosamente nel nuovo programma di industrializzazione indiano proposto dal Signor Modi.

Il livello di cooperazione nell'investimento è uno dei criteri su relazioni bilaterali affidabili e fiduciose tra Paesi. A questo proposito, quali misure sono previste nel prossimo vertice russo-indiano? I piani per la privatizzazione di società russe influenzerà lo sviluppo del partenariato negli investimenti tra Russia e India?
Naturalmente, durante la nostra visita in India speriamo di dare nuovo slancio ai legami commerciali ed economici bilaterali, dato che le aziende di entrambi i Paesi sono interessate alla realizzazione di nuovi progetti reciprocamente vantaggiosi. Gli investimenti della Russia in India ammontano a circa 4 miliardi di dollari, mentre le imprese indiane hanno investito due volte tanto nell'economia russa, circa 8 miliardi di dollari. Sono convinto che Russia e India possano aumentare considerevolmente gli investimenti bilaterali. Per stimolare gli investimenti reciproci, programmiamo una discussione con i nostri partner indiani sulla possibilità di aggiornare l'accordo bilaterale per la promozione e reciproca protezione degli investimenti. Incoraggiamo le istituzioni di sviluppo, Fondo diretto russo e Vnesheconombank, ad essere più attivi nel finanziamento degli investimenti delle società russe. Un gruppo di lavoro sui progetti d'investimento prioritari è stato creato ed ora opera con successo nel quadro della Commissione intergovernativa. Le agenzie dei due Paesi, in collaborazione con il Forum sul commercio e gli investimenti India-Russia, sono impegnati in una rigorosa selezione delle iniziative imprenditoriali più promettenti individuando ed eliminando gli ostacoli alla libera circolazione delle merci, dei capitali e dei servizi. Fino ad oggi, sono stati scelti 20 progetti prioritari, 10 russi e 10 indiani, in settori come ingegneria dei trasporti, industria chimica, aeronautica e farmaceutica, comprendenti la costruzione da parte della SIBUR Holding di un impianto di gomma butilica dalla capacità operativa di 100000 tonnellate all'anno nella città di Jamnagar, e della produzione da parte della Lighting Technologies Company della Russia di apparecchi d'illuminazione per scopi generali e specifici nella città di Jigani, nello Stato del Karnataka. La System Financial Corporation sviluppa un modello di "città intelligente" in India. La Dauria Aerospace lavora sulla realizzazione della costellazione di satelliti per telecomunicazioni NextStar su orbita geostazionaria. I governi dei due Paesi potranno contribuire alla realizzazione di questi progetti.

I vertici dei BRICS sono stati già inclusi nell'agenda globale e si svolgono regolarmente. Tuttavia, le dichiarazioni finali sono leggermente diverse da vertice a vertice. Cosa pensa sia essenziale per rendere la cooperazione BRICS più sostanziale, effettiva e concreta?
I BRICS è uno degli elementi chiave del mondo multipolare emergente. I cinque Paesi hanno costantemente riaffermato l'impegno a rispettare i principi fondamentali del diritto internazionale e a promuovere il ruolo centrale delle Nazioni Unite. I nostri Paesi rifiutano la politica di pressione coercitiva e violazione della sovranità di altri Stati. Abbiamo posizioni simili sulle questioni internazionali urgenti, tra cui la crisi siriana e la sistemazione del Medio Oriente. Perciò le dichiarazioni finali dei vertici, e il vertice di Goa non farà eccezione, riaffermano il nostro impegno comune ai principi fondamentali della comunicazione inter-statale, in particolare, al rispetto del diritto internazionale con ruolo centrale di coordinamento dell'ONU. Verso certi Paesi occidentali che cercano di promuovere i loro approcci unilaterali, questa posizione è ancora più rilevante. Tradizionalmente, le dichiarazioni dei leader dei BRICS delineano posizioni fondamentali sul consenso su un'ampia gamma di questioni, individuando gli obiettivi a breve termine per le cinque nazioni, che saranno obiettivo dei passi successivi volti a rafforzare le partnership strategica tra i nostri Paesi in vari campi. Su una collaborazione pratica tra i cinque Paesi più sostanziale, vorrei sottolineare che oggi esistono più di 30 formati nella cooperazione tra le agenzie nei settori politico, economico, umanitario, della sicurezza e delle forze dell'ordine. L'istituzione della Nuova Banca per lo Sviluppo (NDB) e l'Accordo di Disposizione dei Contingenti dei BRICS, per un capitale totale di 200 miliardi di dollari, sono un esempio concreto di questa cooperazione. Sono convinto che, rafforzando la banca, la sua attività non potrà che aumentare anche attraverso progetti che promuovono l'integrazione tra i Paesi BRICS. L'NDB ha iniziato i lavori nel 2016, dopo aver approvato i primi progetti nei cinque Paesi. La priorità attuale è l'energia rinnovabile. In Russia ciò implica la costruzione di piccoli impianti idroelettrici da 50 MW in Carelia dal valore di 100 milioni di dollari. I nostri Paesi cooperano attivamente nell'ambito del Gruppo dei 20, anche sotto l'attuale Presidenza cinese. Così, i Paesi BRICS si sono impegnati ad attuare il Piano d'azione sull'erosione della base e il mutamento del profitto. Cerchiamo di far convergere in modo sistematico le nostre posizioni nell'OMC per migliorare le regole e stimolare i negoziati multilaterali nell'organizzazione. Questo è il motivo per cui penso che la cooperazione dei BRICS già comporti risultati concreti. E' essenziale continuare a lavorare sul consolidamento di questi risultati ed individuare le aree d'interesse comune. I partecipanti al vertice BRICS di Goa guarderanno ai risultati iniziali dell'attuazione della strategia per il partenariato economico dei BRICS adottata a Ufa, concludendo il programma dei BRICS per la cooperazione commerciale, economica e sugli investimenti per il 2020. Abbiamo intenzione di creare nuovi formati e meccanismi per collaborare con i nostri partner, in cui saranno elaborate le misure concertate volte a sviluppare i nostri legami nei vari campi. Allo stesso tempo, abbiamo intenzione di concentrarci sulle questioni relative al rafforzamento della sicurezza e della stabilità internazionale, a rafforzare la competitività delle nostre economie e a promuovere lo sviluppo internazionale. Sosteniamo anche le iniziative avanzate dalla Presidenza indiana in campi della collaborazione dei BRICS come agricoltura, trasporti ferroviari, sport, turismo e contatti tra popoli.

Quali proposte ha intenzione di presentare al prossimo vertice BRICS e cosa si aspetta da questo incontro? Cosa pensa che i partecipanti all'associazione possano rivendicare come loro successi in questo incontro? Quali altri progetti, accanto alla Nuova banca di sviluppo, possono provare quanto questa collaborazione sia preziosa?
In primo luogo, vorrei esprimere gratitudine alla leadership indiana che, nella sua Presidenza dei BRICS, si è sempre concentrata su rafforzamento e consolidamento del partenariato strategico della nostra associazione. Sono convinto che il vertice di Goa, che si terrà sotto lo slogan della continuità e dell'innovazione, sarà molto fruttuoso. Per i leader dei nostri cinque Paesi, questo incontro sarà una buona occasione per armonizzare le posizioni su questioni chiave dell'agenda internazionale. Siamo decisi a cooperare nella lotta a terrorismo, narcotraffico e corruzione. Contribuirà anche alla soluzione dei conflitti e a garantire la sicurezza delle informazioni internazionali. Tutti siamo preoccupati dalla continua assenza di stabilità nell'economia globale. Insieme ai nostri partner rifletteremo su cosa può essere fatto per unire ulteriormente i nostri sforzi affrontando tali sfide. Ci aspettiamo inoltre che il vertice BRICS di Goa apra nuove opportunità nella cooperazione economica e umanitaria. Sicuramente si discuterà dei problemi nel finanziamento dei progetti attraverso la Nuova Banca di Sviluppo e dell'avvio del Contingente delle valute di riserva dei BRICS. Ciò implica uno scambio di opinioni sui lavori tra gli alti rappresentanti della sicurezza, riunioni ministeriali competenti, interazione tra esperti, Rete universitaria dei BRICS e Business Council. Per esempio, sono stati completati i preparativi per la firma del memorandum di cooperazione tra i servizi doganali e le accademie diplomatiche dei nostri Stati, così come per creare una piattaforma per la ricerca agricola dei BRICS. Siamo grati ai nostri partner indiani per aver garantito la continuità del programma BRICS dal vertice di Ufa in Russia del luglio 2015. L'attuazione della Dichiarazione e del Piano d'azione di Ufa è iniziata. I partner indiani hanno anche proposto varie iniziative che prevediamo di studiare in occasione del vertice. Sulle specifiche proposte russe al vertice di Goa, ricordo che durante la nostra Presidenza la strategia del partenariato economico veniva adottata, coprendo le aree più promettenti della cooperazione tra i cinque Paesi. Un piano d'azione per l'attuazione è attualmente in preparazione. La Russia ha proposto più di 60 progetti, una sorta di road map da poter attuare in collaborazione con i partner dei BRICS (con uno o con tutti). Credo che se riusciamo ad essere partner nella realizzazione di questi progetti, sarà un passo importante verso la modernizzazione delle economie dei nostri Paesi. La Russia sostiene anche maggiore cooperazione nel commercio elettronico (compresa l'analisi delle barriere cruciali tra i Paesi in questo ambito, sviluppo delle migliori pratiche normative, ecc.), facilitando il commercio (con il coinvolgimento della Commissione economica eurasiatica), sostenendo piccole e medie imprese (lancio di un portale web per le piccole e medie imprese dei BRICS) e tutelando la proprietà intellettuale.

Lei parla spesso della necessità di interconnettere i processi d'integrazione, in particolare quelli dell'UEE e della Cintura economica della Via della Seta. Come potrebbe il formato BRICS essere utilizzato per attuare tali iniziative?
La situazione economica e finanziaria globale resta difficile, con le conseguenze della crisi finanziaria globale tuttora persistenti. E' quindi deplorevole che certi Paesi cerchino di risolvere i problemi accumulatisi introducendo misure protezionistiche e cercando di impegnarsi in programmi oscuri come la Trans-Pacific Partnership o il partenariato transatlantico di scambio ed investimenti. La Russia, proprio come tutti i partner BRICS, è impegnata a plasmare aree economiche non discriminatorie aperte sulla base dei principi dell'OMC. Vi ricordo che il 9 luglio 2015, Ufa ospitò un incontro con la partecipazione dei capi di Stato di Unione economica eurasiatica, SCO e Stati osservatori della SCO. Tra le altre cose, i partecipanti discussero della questione degli importanti progetti infrastrutturali regionali e trans-regionali. In questo contesto, proponemmo anche il lavoro per integrare l'Unione economica eurasiatica con la Cintura economica della Via della Seta. Questo processo potrebbe eventualmente fornire la base per la Grande Partnership Eurasiatica coinvolgendo vari Stati di Unione eurasiatica economica, SCO e ASEAN. Ci aspettiamo che tale partenariato sia aperto all'adesione di tutti i Paesi interessati e si basi sui principi di trasparenza e rispetto reciproco. Il potenziale della cooperazione dei Paesi BRICS può anche essere utilizzato per implementare questa iniziativa. Desideriamo il supporto dell'India, seriamente interessata alla proposta. Siamo sicuri che questo argomento sarà ulteriormente discusso dai vertici dei BRICS e della BIMSTEC a Goa.

Quando si pensa al territorio dall'India alla Russia ci si rende conto che la situazione è piuttosto complicata, con numerosi problemi e contraddizioni. Quali sfide e problemi, a suo parere, saranno più importanti e gravi per i Paesi della regione nei prossimi dieci anni?
La situazione sul territorio tra India e Russia rimane tesa. In particolare, gli sviluppi in Afghanistan preoccupano ancora. Azioni decisive sono necessarie per aiutare il Paese a far fronte a tali sfide e minacce, come terrorismo, estremismo e narcotraffico. Russia e India condividono la necessità di sostenere gli sforzi per la riconciliazione nazionale sotto la legge internazionale e sono interessate ad approfondire la costruttiva cooperazione multilaterale aiutando l'Afghanistan a risolvere le questioni di sicurezza nazionale, costruzione della capacità di lotta al narcotraffico, garantendo sviluppo sociale ed economico, e migliorando l'interconnettività. In termini più generali, il nostro Paese è disposto a sviluppare tale interazione nella regione permettendo una risposta rapida alle sfide alla sicurezza emergenti e ricercando vie comuni nell'affrontare possibili minacce. A nostro parere, l'Organizzazione della Cooperazione di Shanghai ha un ruolo di primo piano, essendo in continua espansione geografica, per esempio India e Pakistan aderiscono all'Organizzazione. La SCO intensifica gli sforzi per costruire la fiducia, rafforzare gli sforzi genuinamente collettivi nel rispondere alle crisi e sviluppare una cooperazione multiforme. Il fatto che la Russia, con il supporto dei suoi partner, promuova attivamente questi progetti per creare uno spazio economico comune in Eurasia, contribuisce anche ad appianare le differenze. Tale 'integrazione delle integrazioni', basata sui principi di trasparenza e tenendo conto degli interessi di tutte le economie nazionali, consentirà l'integrazione della regione nello sviluppo comune, rafforzandone la stabilità.File picture of the first unit of the Kudankulam Nuclear Power Plant which was synchronised with the southern power grid marking a major milestone in power generation of the ambitious Indo-Russian nuclear collaboration at Tirunelveli of Tamil Nadu on on Oct.22, 2013. (Photo: IANS)Traduzione di Alessandro Lattanzio - SitoAurora
sitoaurora | ottobre 15, 2016 alle 11:54 | Etichette: accordi commerciali, accordi internazionali, anti-egemonia, anti-egemonismo, antiatlantismo, antimperialismo, Asia meridionale, Asia orientale, Banca BRICS, Beijing, Blocco antiegemonico, Blocco BAO, blocco eurasiatico, BRICS, Collective Security Treaty Organization, CSTO, diplomazia, diplomazia energetica, economia, economia internazionale, economia mondiale, economia politica, economia regionale, equilibrio mondiale, Estremo Oriente, EurAsEC, eurasia, Eurasian Trade Zone, eurasiatismo, Federazione Russa, Gas, gasdotti, gasdotto, geo-comunicazioni, geo-energia, geo-energie, geo-influenza, geo-risorse, Geoeconomia, geoenergia, geofilosofia, geografia, geoinfluenza, Geopolitica, georisorse, Geostrategia, Giacimenti, giacimenti di idrocarburi, globalizzazione, India, industria dell'energia, industria della difesa, Islambad, mercato mondiale, mondializzazione, Mondo Multipolare, Mosca, multipolarismo, Narendra Modi, NBS, NDB, Nuova Banca di Sviluppo, Nuova Via della Seta, Nuovo ordine mondiale, OCS, oleodotti, oleodotto, oleogasdotti, oleogasdotto, Organizzazione della Cooperazione di Shanghai, Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai, Pacifico-Asia, Paesi BRICS, Pakistan, Patto di Shanghai, Pechino, Petrolio, petrolio energia, Politica della difesa, politica della sicurezza, politica economica, politica energetica, politica industriale, politica internazionale, politica mondiale, politica regionale, relazioni economiche, relazioni estere, relazioni industriali, relazioni internazionali, Repubblica Popolare Cinese, Repubblica Popolare di Cina, RIC, risorse di idrocarburi, risorse energetiche, risorse finanziarie, Rosneft, Russia, Russia e Cina, Russia-India, SCO, sfera d'influenza, Shanghai, Shanghai Cooperation Organization, Siberia, Silk Road Belt, sistema bancario, sistema finanziario, sistema internazionale, sovranismo, sovranità, strategia, Unione dello Spazio Economico, unione economica eurasiatica, Unione Eurasiatica, Unione Indiana, Vladimir Putin | Categorie: Difesa, Eurasia, Geopolitica | URL: http://wp.me/p1qi5U-6Ef  





Header

ULTIME NOTIZIE - Bollettino n. del 15 ottobre 2016

Il bollettino dell’arcidiocesi di Vienna sdogana la “famiglia” omosessuale
Chiesa cattolica e omosessualità sono oggi divenuti conciliabili ? A leggere Pfarrblatt, il bollettino parrocchiale della cattedrale Santo Stefano dell’arcidiocesi di Vienna sembra proprio di sì.
La prime “nozze” omosessuali nella comunità ebraica italiana
Hanno avuto luogo a Roma, lo scorso week-end, le prime nozze omosessuali secondo rito ebraico. I due uomini sono Serafino e Federico, il primo militare di carriera, mentre il secondo esercita la professione di giornalista. Per la comunità ebraica è stato un evento ritenuto importantissimo, così come per tutta la comunità LGBT italiana.
Vicenza: inaugura “Gaga”. Centri di ascolto o di propaganda?
Sabato 08 ottobre 2016 è stato inaugurato a Vicenza, presso il PoloGiovani-B55 di Contrà delle Barche 55, G.A.G.A. (Gruppo Aiuto Giovani Arcobaleno), uno sportello LGBT che si propone di “accogliere giovani (e non solo) vittime di bullismo, omofobia, transfobia o violenza“.
Gender al liceo e all’università (sempre a Verona…)
L’Università di Verona è all’avanguardia nella diffusione dell’ideologia del gender. Abbiamo visto che ci sono dipartimenti e istituti molto attivi nello spargere a piene mani la propaganda politicamente corretta per cui si insegna che i dati biologici sono del tutto irrilevanti rispetto alle pulsioni, le curiosità, i capricci e i desideri individuali.
Il gruppo LGBT “La Fonte” di don Domenico Pezzini presenta il suo programma a Milano
Sabato 16 ottobre si terrà a Milano la presentazione del nuovo anno con il gruppo Lgbt “La Fonte”, comunità nata nella primavera del 1986 per opera di don Domenico Pezzini e di alcune persone omosessuali che intendevano creare un luogo di accoglienza e momenti di “crescita spirituale” che coniugassero l’omosessualità e la fede.
Francia, si al cambio di sesso senza operazione chirurgica
In Francia, d’ora in avanti, sarà possibile cambiare il proprio sesso senza doversi sottopore ad intervento chirurgico. La nuova procedura per il cambio di sesso prevede infatti che i transgender possano ottenere una nuova identità sessuale sui proprio documenti anche in assenza dell’operazione chirurgica.
Papa Francesco e i transessuali. Le obiezioni di Spaemann jr
In un precedente post del 3 ottobre, Settimo Cielo ha pubblicato tal quale, come uscito dalla bocca di papa Francesco, il racconto da lui fatto in aereo, nel volo di ritorno dall’Azerbaijan a Roma, della vicenda di un transessuale spagnolo al quale aveva dato calorosa udienza in Vaticano assieme alla “sua sposa”. Il racconto fatto […]
La Regione Sardegna adotta l’ “agenda gender”
Il Consiglio regionale della Sardegna ha appena approvato una legge che detta nuove norme sulla “qualità della regolazione e della semplificazione dei procedimenti amministrativi” e di mezzo ci è finito anche il gender. 
Il vescovo di Sulmona-Valva ultima vittima del “gender diktat”
Il gender diktat ha fatto una nuova vittima illustre. E’ ora infatti il turno del vescovo di Sulmona-Valva, don Angelo Spina, il quale si trova, suo malgrado, al centro di una furiosa polemica a causa di alcune sue dichiarazioni “politically uncorrect,” rilasciate in un’intervista apparsa sul sito web “La Fede Quotidiana”.
Incontro su religione e omosessualità in Provincia di Brescia
Si è consumato il 6 ottobre, a Breno ( Brescia ), l’evento a cura di A.GE.D.O., l’associazione di “Genitori, parenti e amici di persone omosessuali”, con il titolo “RELIGIONE E OMOSESSUALITÀ“.
Con la drag queer Senith a Roma va in scena lo stile “gender-fluid”
Il gender è il fenomeno trend del momento e anche gli spettacoli artistici si adeguano. A Roma, il prossimo venerdì 14 ottobre, presso la Casa Internazionale delle Donne, sarà di scena infatti Senith, performer drag queer, specializzata in improbabili rappresentazioni “artistiche” che mescolano generi e ruoli, dando vita a fantasiose e perverse sperimentazioni erotiche.
Tutte le bugie sull’omosessualità
Le recenti parole di Papa Francesco sono nuovamente tornate a chiarire la posizione dei cristiani sia verso le persone con “tendenze e pratiche omosessuali”, che “si devono accompagnare, come fa Gesù”, sia verso “gli insegnamenti nella scuola su questa linea”, finalizzati a “cambiare mentalità”, che il Papa definisce “colonizzazione ideologica”. In altre parole il Pontefice […]
Professione: gay. C’è il manager della causa Lgbt Arcigay alla conquista dell’Erasmus coi nostri soldi
Grazie all’Unione Europea avremo molto presto i manager della causa gay. Sarà un lavoro altamente qualificato e a giudicare dall’impegno che la comunità europea sta mettendo nel progetto Get Equal Empowerment for LGBT Activism siamo sicuri che il governo ne approfitterà per creare nuovi sbocchi lavorativi per Arcigay, magari per aumentare i dati del job […]
Cagliari: gli obiettivi di “UniCa”, l’associazione universitaria LGBT
L’associazione universitaria cagliaritana “Unica Lgbt” ha da poco eletto il suo nuovo presidente: Paolo Usai, un ventiquattrenne originario di Bari Sardo ma residente a Cagliari da 6 anni. L’associazione di cui è neo-presidente eletto all’unanimità, si occupa di “difendere i diritti della comunità omosessuale e transessuale e di sensibilizzare gli studenti in merito alle tematiche riguardanti […]
La “normalità” omosessuale sotto gli occhi dei cittadini romani
In queste ultime settimane, la città di Roma è stata tappezzata da osceni cartelloni pubblicitari reclamanti il prossimo “Gay Wedding“, una fiera di tre giorni esclusivamente riservata ai “matrimoni” tra persone dello stesso sesso, che si presenta come “La prima manifestazione della Capitale dedicata alle Unioni Civili”.
Spagna: un Pp irriconoscibile punta alla leadership Lgbt
Prosegue l’opera intestina di totale snaturamento del Partito Popolare in Spagna. Partito già deformato nei propri ideali, nei propri valori da precedenti, incredibili decisioni, assunte in totale contrasto col proprio elettorato. Ed anche stavolta non ha perso l’occasione per dimostrare ormai il proprio volto peggiore e compromesso con le lobby dominanti, votando nel Parlamento andaluso […]












Re Israele Kingdom Universal Unius REI, guarda gli ultimi video dei canali a cui sei iscritto per il 16 ott 2016.












רה"מ נתניהו ורעייתו מארחים את ראשי חב"ד בסוכה







IsraeliPM



 Da:  Osservatorio Gender
 Data:  15/10/2016 22.30
 A:  "lorenzo_scarola@fastwebnet.it"<lorenzo_scarola@fastwebnet.it>
 Cc: 
 Oggetto:  Bollettino n. 43 del 15 ottobre 2016
 Allegati:   



 
Il Punto di Giulietto Chiesa - L’America minaccia la guerra. E’ uff...









PandoraTV
 



 



טראמפ: מסע אל השמיים







Arutz Sheva TV 








 


LIVE NOW! 








Evangelist Anita Fuentes 













Accident on rt. 70








Times of Israel 





 


Airbag Dainese D-Air Street: dimostrazione di funzionamento 

A scuola di setup moto con Alessandro Valia. Seconda parte: registr...






 

Stanno arrivando grandi guerre. Consigli per i fratelli che rimango...








endtime7777 









The Bible - Revised by Unesco







Israel's Foreign Affairs Min.
FORZA Benjamin Netanyahu, guarda gli ultimi video dei canali a cui sei iscritto per il 17 ott 2016. 
 






 

Justice W Judge Jeanine Pirro Today 10/16/16 :Countdown To The Fina...





Chef Dave







Reporter 





 


Il Punto di Giulietto Chiesa - L’America minaccia la guerra. E’ uff...









PandoraTV
 



 



טראמפ: מסע אל השמיים









Arutz Sheva TV
 




 

Why Muslims Pray to Muhammad (David Wood)








Acts17Apologetics
 





 

Putin thug life [like a boss] ❶








INFORMAZIONE ALTERNATIVA
 







La realtà dell'Orco, la forza del Bene. Introduzione 1/2 









Veritatis Splendor
 






 

#Leggedibilancio, la conferenza stampa del Consiglio dei Ministri n...


1 giorno fa • 1.472 visualizzazioni









Palazzo Chigi

 






 
Undercover in ISIS - Trailer


2 giorni fa • 4.836 visualizzazioni









Journeyman Pictures
 

Post popolari in questo blog

супраць усіх хрысціян нявінных пакутнікаў

Indian beef ban hits untouchable Dalits hardest

ONU pedofili poligami maomettani